III EDIZIONE 2021

INGRESSO RESPONSABILE
PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA
inviare una e. mail all’indirizzo: malipieroasolo@gmail.com
oppure un sms a 3394721228 scrivendo il vostro nome e cognome,
data del concerto e numero dei posti da riservare.

CHIESA DI S. SEVERO – SEMONZO (BORSO DEL GRAPPA)
SABATO 9 OTTOBRE ORE 21:00
ASOLO CHAMBER ORCHESTRA

VALTER FAVERO, direttore e clavicembalista

ANGELA DE LUCIA, soprano
MYRIAM DAL DON, violino
MARTINA LAZZARIN, violino
ENZO LIGRESTI, violino
SILVESTRO FAVERO, viola
FEDERICO TOFFANO, violoncello
PATRIZIA PEDRON, contrabbasso

A. VIVALDI
Concerto in LA minore per violoncello, archi e continuo RV 419
Allegro – Largo – Presto
Federico Toffano, violoncello

G. F. HANDEL
Lascia la spina cogli la rosa
Angela De Lucia, soprano

G. P. TELEMANN
Concerto in sol maggiore per viola, archi e continuo, TWV 51:G9
Largo – Allegro – Andante – Presto
Silvestro Favero, viola

A. STRADELLA
Pietà Signore
Angela De Lucia, soprano

F.SCHUBERT
Rondò per Violino e archi in LA maggiore, D.438
Adagio- Allegro giusto
Myriam Dal Don, violino

CHIESA DI S. SEVERO – SEMONZO (BORSO DEL GRAPPA)
SABATO 23 OTTOBRE ORE 21:00

MYRIAM DAL DON, violino
VALTER FAVERO, clavicembalo

W. A. MOZART
Sonata in SOL maggiore KV 9
Allegro spiritoso – Andante – Menuet I – Menuet II

A. VIVALDI
Sonata in RE maggiore F. XIII n. 6
Allegro – Allegro – Adagio – Allegro

W. A. MOZART
Sonata in MI b maggiore KV 26
Allegro molto – Adagio poco Andante – Rondeaux Allegro

J.S. BACH
Ciaccona
Partita n. 2 in re minore per violino solo, BWV 1004
Allemande – Courante – Sarabande – Gigue – Chaconne

J.S. BACH
Sonata in MI maggiore BWV 1016
Adagio – Allegro – Adagio ma non tanto – Allegro

T. VITALI
Ciaccona

PIEVE DI S. EULALIA (BORSO DEL GRAPPA)
SABATO 6 NOVEMBRE ORE 21:00

GLAUCO BERTAGNIN, violino
VALTER FAVERO, clavicembalo

G. TARTINI
Sonata in G minor, Op.1 No.10 ‘Didone abbandonata’
Adagio – Presto non troppo – Largo -Allegro commodo

G. TARTINI
Sonata per violino in sol minore – ‘Il Trillo del Diavolo’
Larghetto – Allegro – Andante – Allegro – Adagio

A. VIVALDI
Sonata in RE minore Op. 2 n. 3 (RV 14)
Preludio – Corrente – Adagio – Giga

J. S. BACH
Sonata No. 4 in DO minore BWV 1017
Siciliano; Largo – Allegro – Adagio – Allegro

A. CORELLI
Sonata in RE minore Op 5 No 12 La Follia

PIEVE DI S. EULALIA (BORSO DEL GRAPPA)
SABATO 20 NOVEMBRE ORE 21:00

SILVESTRO FAVERO, viola
VALTER FAVERO, clavicembalo

B. MARCELLO
Sonata in Mi minore Op. 2 No. 4
Adagio – Allegro – Largo – Allegretto

G. F. HANDEL
Sonata in DO maggiore
Adagio – Allegro – Adagio – Allegro

G. P. TELEMAN
Sonata in Si b maggiore
Largo – Allegro – Largo – Vivace

J. S. BACH
Sonata in RE maggiore BWV 1028
Adagio – Allegro – Andante – Allegro

A. VIVALDI
Sonata in MI minore N° 5
Largo – Allegro – Largo – Allegro

CHIESA DI S. SEVERO – SEMONZO (BORSO DEL GRAPPA)
SABATO 4 DICEMBRE ORE 21:00

ASOLO CHAMBER ORCHESTRA

VALTER FAVERO, direttore e clavicembalista

CARLO LAZARI, violino
FRANCESCO COMISSO, violino
GLAUCO BERTAGNIN, violino
SILVESTRO FAVERO, viola
GIUSEPPE BARUTTI, violoncello
PATRIZIA PEDRON, contrabbasso

A. VIVALDI
Concerto in SI bemolle maggiore RV 547
per violino, violoncello, archi e basso continuo
Allegro – Andante – Allegro molto
Carlo Lazari, violino
Giuseppe Barutti, violoncello

J. S. BACH
Concerto n. 1 in re minore per clavicembalo e orchestra, BWV 1052
Allegro – Adagio – Allegro
Valter Favero clavicembalo

P. NARDINI
Concerto in MI minore per violino e orchestra
Allegro moderato – Andante cantabile – Allegro giocoso
Glauco Bertagnin, violino

PAGANINI
La campanella per violino e orchestra
Francesco Comisso, violino

ASOLO CHAMBER ORCHESTRA
L’Asolo Chamber Orchestra è formata dai migliori musicisti del panorama musicale italiano. Diretta dal M° Valter Favero, nel corso della sua attività in ambito nazionale e internazionale, è stata ospite di prestigiosi Enti e Associazioni concertistiche collaborando con artisti di fama internazionale. Inoltre, in seno all’Orchestra, sono attive diverse formazioni cameristiche (l’Ensamble dell’Asolo Chamber Orchestra, Akedon Quintet, Asolo Baroque Ensemble, Trio di Asolo, Quartetto Milonga del Angel), mirando ad un affiatamento ed a una sinergia musicale e strumentale sempre maggiore. L’ Orchestra ha effettuato numerose registrazioni e partecipazioni a trasmissioni RAI e Mediaset.

VALTER FAVERO, direttore e clavicembalista
Ha conseguito il diploma in pianoforte presso il Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto, sotto la guida del M° Massimo Somenzi, con il massimo dei voti e la lode, ottenendo un diploma di merito e borsa di studio. Allievo del violoncellista Mario Brunello per la musica da camera, ha frequentato i Master Classes condotti dai pianisti Lev Vlasenko, Michail Voskresensky e Anatolj Vedernikov, docenti presso il Conservatorio Superiore di Mosca. Ha studiato con il M° Pier Narciso Masi per il pianoforte e frequentato inoltre il corso di musica da camera istituito dall’Accademia Pianistica di Imola e tenuto dai pianisti Dario De Rosa e Mauren Jones. Determinante, per la sua formazione artistica, l’incontro con il grande pianista e didatta Aldo Ciccolini. Svolge attività concertistica sia come solista che in formazioni cameristiche, invitato da prestigiose Associazioni ed Enti concertistici in Italia, Spagna, Germania, Svizzera, Bulgaria, Lettonia, Canada, Australia, Repubblica Ceca, Slovenia, si è esibito in prestigiose sale da concerto quali la Town Hall di Sydney, “Chapelle Historique du Bon-Pasteur” di Montreal, Centrepoint di Ottawa, Casa della Cultura di Sofia, Hardotèneti Muzeum di Budapest, Wagner Zale di Riga, Monestier De Sant Pere a Camprodon in Spagna per il XXII Festival Isaac Albèniz, Biblioteca de Catalunya a Barcellona, Teatro Laz Rosas de Madrid, Französische Kirche di Potsdam, Rocca Sforzesca di Imola, Ateneo Veneto di Venezia, Teatro degli Industri di Grosseto, Palazzo Siotto di Cagliari, Teatro Alighieri di Ravenna, Sala dei Giganti di Palazzo Liviano di Padova, Teatro Kursaal di Bari, Teatro Bibiena di Mantova. Ha diretto e suonato, come solista, con numerose orchestre ed è attualmente direttore dell’Asolo Chamber Orchestra. Direttore dell’Istituto Musicale G.F. Malipiero di Asolo dal 1992, si occupa della direzione artistica del Festival Internazionale di Musica Classica “Malipieroconcerti”, di Cavaso Classica e Sant’Eulalia Festival. E’ docente presso il Conservatorio “A. Steffani” di Castelfranco Veneto. Viene regolarmente invitato in Giurie di Concorsi Pianistici Nazionali e Internazionali.

ANGELA DE LUCIA, soprano
Nata ad Avellino nel 1989, fin da bambina intraprende lo studio del pianoforte dimostrando subito una passione ed una particolare inclinazione per il canto lirico che la spinge ad iscriversi al conservatorio di Avellino, diplomandosi giovanissima con il massimo dei voti. Inizia fin da subito a perfezionarsi partecipando a diverse Masterclass in Italia e all’Estero. Nel 2007 è vincitrice del Concorso Lirico Internazionale Atena Opera Festival sezione giovani promesse ottenendo inoltre ingaggi per diversi concerti nel territorio Campano e per il ruolo di Eugenia ne il Filosofo di Campagna di G. Galuppi. Nello stesso anno debutta, con grande successo, nella Lucia Di Lammermoor di G. Donizetti nel ruolo di Alisa presso il Teatro Carlo Gesualdo di Avellino. Nel 2011 segue una Masterclass di alto perfezionamento vocale e di repertorio con il Soprano June Anderson. Continua gli studi con il Soprano Mirella Freni presso l’Accademia CUBEC di Modena. Nello stesso anno partecipa presso l’Accademia “La Voce di Torino” ad una Masterclass con il Soprano Mariella Devia. Tiene un concerto al Rettorato dell’Università di Torino accompagnata al pianoforte dal M° Diego Mingolla. È stata ammessa come allieva effettiva dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia (a.a. 2012/ 2013) sotto la guida del Soprano Renata Scotto, il Mezzosoprano Anna Vandi e il Regista Cesare Scarton. Nel 2013 vince il Premio Giovani Promesse al Concorso Lirico Internazionale Arte in Canto di Basciano vincendo, nello stesso concorso, anche il Terzo Premio. Viene inoltre selezionata e dichiarata Vincitrice per il ruolo di Donna Anna nel “Don Giovanni” di W.A.Mozart debuttando il ruolo nel circuito Abruzzese, diretta dal M° Massimiliano Caporale, con la regia di Enrico De Feo e Direzione Artistica del Baritono Luciano Di Pasquale. Nello stesso anno è vincitrice anche del Concorso Lirico Internazionale Francesco Albanese che le permette di esibirsi in concerti con l’orchestra I Solisti Veneti diretta dal M° Claudio Scimone. Nel 2015 ha partecipato alle Masterclass di Alto Perfezionamento Vocale con il Basso Roberto Scandiuzzi, Rolando Panerai, con il soprano Anna Pirozzi e Donata D’Annunzio Lombardi. Nel Maggio 2016 è ammessa come allieva effettiva all’Accademia di Alto Perfezionamento per cantanti lirici promosso dalla Fondazione Festival Pucciniano di Torre del Lago, viene inoltre selezionata tra i migliori allievi dell’accademia per il concerto di apertura della Stagione Lirica del Festival Pucciniano. Nel 2017 prende parte a numerose rappresentazioni teatrali per la fondazione lirica festival pucciniano di Torre del Lago. Debutta nel ruolo di Magda ne “La Rondine” di G. Puccini e nel ruolo di Liù nella “Turandot” di G. Puccini. Nello stesso anno viene ammessa come allieva effettiva al corso di alta formazione per cantanti lirici del Teatro Mario Del Monaco di Treviso. Nel 2018 prende parte a numerosi concerti in qualità di solista per il repertorio operistico e da camera. Nel 2020 consegue la laurea in letteratura arte musica e spettacolo. Nello stesso anno consegue inoltre presso l’Università di Bologna il corso di alto perfezionamento in Vocologia Artistica. Nel 2020 segue il corso Vocaltraining conseguendo il Primo livello. Dai 2018 è docente presso l’Associazione Waliczenka (Treviso).

MYRIAM DAL DON, violino
Myriam Dal Don è nata a Belluno dove ha studiato con G. O. Fiori. Diplomata a 17 anni con M. Spirk con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio di Trento, ha successivamente ottenuto il ”Premier Prix de Virtuositè avec distinction” sotto la guida di C. Romano al Conservatorio Superiore di Ginevra suonando in quell’occasione il Concerto di Mendelssohn con l’Orchestre de la Suisse Romande trasmesso dalla Radio svizzera Francese. Allieva in seguito di S. Accardo e N. Beilina, si è imposta all’attenzione del pubblico giovanissima con la vittoria al Concorso Biennale di Vittorio Veneto che le è valso il debutto con l’Orchestra della Rai di Torino diretta da S. Accardo. In seguito all’affermazione in importanti Concorsi Internazionali (“Romanini “di Brescia ,”Philips” di Milano,”Lipizer” di Gorizia,”Curci” di Napoli e “M. Abbado”di Sondrio), ha iniziato un’intensa attività solistica, anche come Primo violino solista de “I Solisti Veneti”, suonando nelle più prestigiose sale del mondo (Sala Verdi di Milano, Accademia di Santa Cecilia, Alice Tully Hall e Carnegie Hall di New York, Salle Gaveau di Parigi, Teatro Colon di Buenos Aires, Bunka Kaikan di Tokyo,Victoria Hall di Ginevra e molte altre) e cameristica, collaborando con artisti quali Giuranna, Petracchi, Sirbu, Meunier, Canino ed altri. La sua esecuzione del Concerto n.8 di Spohr, al Festival delle Settimane Musicali di Stresa, è stata commentata su “Le Figaro” come “..la rivelazione di un immenso talento. M. Dal Don è abbagliante di precisione, agilità e purezza di stile..ammirabile..”.Ha inciso per la Stradivarius il Concerto di Maderna e Widmung con l’Orchestra Verdi di Milano, ottenendo eccellenti critiche su “Le Monde de la Musique” e per la Denon le Variazioni sul “Mosè” di Paganini. Quale vincitrice del Concorso Nazionale per titoli ed esami, insegna violino al Conservatorio di Matera. Recentemente si dedica con passione anche al repertorio per viola, dopo un diploma conseguito brillantemente nel 2004 al Conservatorio di Trento con lode e menzione speciale di merito.

SILVESTRO FAVERO, viola
Ha conseguito il diploma in viola presso il Conservatorio di Musica “C. Pollini” di Padova sotto la guida del Maestri Fabrizio Scalabrin e Dino Asciolla con il quale ha studiato dal 1991. Nel 1994 e nel 1995 si è perfezionato presso l’Accademia W. Stauffer di Cremona sotto la guida del M° Bruno Giuranna ed ha partecipato ai corsi di perfezionamento tenuti dai Maestri Fedor Drhzinin e Wolfram Christ. Nel 1997 si è ulteriormente perfezionato ottendendo il Master Degree a Sydney nel 1997 sotto la guida del M° Wolfram Christ, della Prof.sse Ester van Strallen e Susan Blake presso il Sydney Conservatorium. Si è inoltre perfezionato con i M. Piero Farulli, Milan Skampa, Dario de Rosa e Alexander Lonquic e Pier Narciso Masi. Si aggiudica il I premio nel Concorso Nazionale Strumenti ad Arco “Città di Genova” nel 1990 e consegue il I premio – categoria Viola, nelle edizioni del Concorso Città di Vittorio del 1988 e nel 1994. Nel 1998 è stato scelto dal M° Claudio Abbado per ricoprire il ruolo di Prima Viola della Gustav Mahler Jungendorchester. Ha collaborato con artisti quali L. Spierer, M. Brunello, K. Bogino, D. Bogdanovic, M. Palumbo, S. Mullai, S. Zumbrosky, Piero Toso, E.van Strallen, G. Carmiglnola, Pavel Vernikov, Dejan Bogdanovich,. In qualità di Prima Viola ha collaborato con le seguenti orchestre nazionali ed internazionali; Orchestra della Fondazione Gran Teatro La Fenice, Orchestra della Fondazione Arena di Verona, Gustav Mahler Jungendorchester, Orchestra da Camera di Padova e del Veneto, Orchestra Sinfonica del Friuli Venezia Giulia, Orchestra Verdi di Milano, United Europe Chamber Orchestra, Orquestre Sinfonica della Galicia, Orchestra della Fondazione Teatro Comunale di Bologna. Dal 1998 collabora stabilmente con l’Orchestra “I Solisti Veneti”. E’docente presso il Conservatorio “Nino Rota” di Monopoli.

FEDERICO TOFFANO, violoncello
Nato nel 1989, intraprende lo studio del violoncello all’età di 10 anni iscrivendosi al Conservatorio di Vicenza “Arrigo Pedrollo”. Si diploma nel 2009 sotto la guida di Gianantonio Viero. All’età di 15 anni intraprende anche lo studio del violoncello barocco, frequentando corsi tenuti da Gaetano Nasillo e Stefano Veggetti. Dal 2009 al 2011 ha studiato all’Accademia di Imola con Giovanni Gnocchi e allo spazio “Antiruggine” con Mario Brunello. Nel 2013 ha conseguito il master in violoncello barocco alla Royal Academy of Music di Londra. Tra il 2010 e il 2011 è risultato idoneo all’Orchestra dell’Accademia Mozart, idoneo alla Mahler Jugendorchester e primo posto all’audizione dell’orchestra dell’Arena di Verona. Sempre nel 2011 ha vinto il posto di primo violoncello all’audizione dell’orchestra EUBO (European Union Baroque Orchestra). Ora suona regolarmente con il Pomo d’Oro, Les Musiciens du Louvre e la Venice Baroque Orchestra. Suona un violoncello Carlo Antonio Testore del 1727 della fondazione Jumpstart Jr. Foundation.

GLAUCO BERTAGNIN, violino
Nato a Padova dove ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “C. Pollini” diplomandosi con il massimo dei voti e la lode sotto la guida dl Maestro P. Juvarra. Dal 1978 al 1986 si è perfezionato al Conservatorio di Ginevra con il Maestro C. Romano, ottenendo il diploma di virtuositeè con menzione speciale d’onore. Ha partecipato a diverse rassegne e concorsi dove ha ottenuto premi e riconoscimenti (Vittorio Veneto, Pescara, Cesena, Città di Castello). Svolge un’ intensa attività cameristica in formazioni di vario genere, dal duo all’orchestra d’archi. Dal 1980 è altro primo violino solista dei “Solisti Veneti” con i quali ha preso parte a concerti per i più importanti festivals e nelle più importanti sale da concerto (Salisburgo, Edimburgo, Carnegie Hall, Bunka Kaikan Tokyio). Con “I Solisti Veneti” ha inoltre inciso numerosi dischi anche in veste di solista (Estro armonico di Vivaldi) e registrato per molte radio e televisioni in tutto il mondo. Insegna violino presso il Conservatorio “C. Pollini” di Padova. Suona un violino Guadagnini del 1803.

GIUSEPPE BARUTTI, violoncello
Violoncellista veneziano tra i più talentuosi e raffinati interpreti italiani, si è diplomato con il massimo dei voti e la lode al Conservatorio Benedetto Marcello di Venezia sotto la guida del M° Adriano Vendramelli. Ha svolto un’intensa attività cameristica a fianco di musicisti quali Salvatore Accardo, Bruno Giuranna, Dejan Bogdanovich, Kostantin Bogino, Pavel Vernikov, Bruno Canino, Roni Rogoff, Alain Meunier e Rocco Filippini, suonando nei festival più prestigiosi del mondo. Per il Gran Teatro “La Fenice” di Venezia ha inciso l’integrale della musica da camera di Johannes Brahms, riscuotendo un considerevole successo di pubblico e critica. Ha ricoperto inoltre il ruolo di Primo Violoncello nell’Orchestra Filarmonica della Scala di Milano e, a soli ventuno anni, nell’ Orchestra del Gran Teatro la Fenice di Venezia. Fondamentali nella sua formazione sono stati gli incontri e l’intimo rapporto artistico avuti in gioventù con il grande direttore Sergiu Celibidache e con il violoncellista del Quartetto Italiano Franco Rossi: il primo per l’approccio fenomenologico alla musica fondato sostanzialmente sull’importanza della struttura e il secondo per il culto del suono. Dal 2001 è, assieme a Gianantonio Viero, Primo Violoncello dell’orchestra da camera “I Solisti Veneti” di Claudio Scimone. Con questa formazione ha suonato come solista nelle sale più prestigiose del mondo come il Wiener Muiskverein, la Philarmonie di Berlino, il Teatro alla Scala di Milano, la Salle Gaveau di Parigi, la Sala Simon Bolivar e il Teatro Teresa Carreno di Caracas, il Teatro Nazionale di Riga, il Teatro dell’Opera di Praga, la Tokio Suntory Hall, la Tokio Opera Hall, la Gulbekian Musichall di Lisbona, Center of Performing Tel Aviv, il JerusalemTheatre.

CARLO LAZARI, violino
Veneziano classe 1962, inizia giovanissimo lo studio del violino con il violinista e tenore Emilio Cristinelli e conseguita la maturità scientifica si diploma in violino nel 1984 col massimo dei voti al Conservatorio di Venezia sotto la guida di Renato Zanettovich, continuando in seguito lo studio del repertorio violinistico all’Accademia Stauffer di Cremona con Salvatore Accardo ed alla Scuola di Musica di Fiesole con Stefan Gheorghiu; ha inoltre preso parte a masterclass tenuti da Franco Gulli ed Henryk Szering presso l’Accademia Chigiana di Siena e Nathan Milstein al Muraltengut di Zurigo. Premiato dalle giurie di molte rassegne violinistiche nazionali ha ottenuto il 2° premio (1°non assegnato) al IX° Concorso Internazionale di violino “A.Curci” di Napoli. Suona stabilmente dal 1981 con l’”Ex Novo Ensemble” di Venezia prendendo parte in tutte le numerose tournée ed incisioni discografiche per Dynamic, Ricordi, Stradivarius, AS Disc e Giulia Records, con programmi monografici di C.Ambrosini, L.Berio, F.Busoni, E. Casale, M.Dall’Ongaro, G.Donizetti, B.Maderna, G.F.Malipiero, G.Rossini, A.Schoenberg, F.Schubert, G.Sgambati, C.Togni, E.Wolf-Ferrari, nonchè opere di A.Casella, I.Pizzetti e N.Rota. E’ primo violino del quartetto d’archi “Ex Novo”. Sul versante filologico, come violinista barocco collabora coll’ ensemble “L’Arte dell’Arco”. E’ membro del complesso “I Solisti Filarmonici Italiani” con il quale incide per “Denon” ed effettua tourneé in tutto il mondo. Suona un violino costruito a Mirecourt da Didier Nicolas nei primi anni dell’800, ed è docente di violino presso il Conservatorio di Musica “A.Buzzolla” di Adria.

FRANCESCO COMISSO, violino
Diplomatosi presso il conservatorio di Venezia sotto la guida del Prof. Bonzagni in seguito ottiene con il massimo dei voti il titolo accademico di “Konzertdiplom” presso la Musikhochschüle di Amburgo nella classe del Prof. Röhn. Dal 2003 ricopre il ruolo di Concertino dei Primi Violini de “I Solisti Veneti” di Claudio Scimone, suonando, anche in veste di solista nelle sale più prestigiose (Wiener Muiskverein, Teatro alla Scala, Salle Pleyel di Parigi, Tokio Suntory Hall, Tokio Opera Hall, la Philarmonie di Berlino, Gulbekian Musichall di Lisbona, Center of Performing Tel Aviv, National Theather di Pechino, Jerusalem Theater,, ecc..) e nei Festival più importanti del mondo. In campo orchestrale ha collaborato in qualità di Primo Violino di Spalla con l’Orchestra di Padova e del Veneto, la Filarmonia Veneta, l’Orchestra Filarmonica Marchigiana ed in qualità di Concertino dei Primi e Spalla dei secondi con l’Orchestra del Teatro alla Fenice di Venezia e l’Orchestra dell’Arena di Verona. Ha collaborato con l’Orchestra del Teatro Alla Scala di Milano, la Filarmonica della Scala e l’Orchestra Nazionale RAI di Torino suonando sotto la direzione di direttori quali Barenboim, Bichkov, Chung, Gatti, Chailly, Harding. Premiato in concorsi nazionali ed internazionali ha suonato, in contesti cameristici, a fianco di musicisti quali, Vernikov, Mendelssohn, Tchakerjan, Rossi, Masi, Brunello, Lucchesini. Il suo violino è un Don Nicola Amati del XVIII° secolo.